Infermieri. Domande e risposte sulla prevenzione e il controllo delle infezioni in pazienti con sospetto o confermato 2019-nCoV

Infermieri. Domande e risposte sulla prevenzione e il controllo delle infezioni in pazienti con sospetto o confermato 2019-nCoV

Maria Luisa Asta

di Maria Luisa Asta
Pubblicato il: 25/03/2020 SU INFERMIERISTICAMENTE

Prima di procedere alla lettura dell’articolo, resta inteso che queste sono le raccomandazioni Oms, mentre come NurSind procediamo come sempre alla lotta ed ai diversi esposti perché tutti gli Infermieri abbiano i Dpi idonei

 

Come si possono pulire lenzuola, asciugamani e lenzuola sporche da pazienti con COVID-19?

Tutte le persone che hanno a che fare con biancheria da letto, asciugamani e vestiti sporchi di pazienti con COVID-19 dovrebbero:

Indossare adeguati dispositivi di protezione individuale, tra cui guanti per uso intensivo, maschera, protezione per gli occhi (visiera / occhiali), abito a maniche lunghe, grembiule (se l’abito non è resistente ai fluidi), stivali o scarpe chiuse prima di toccare biancheria sporca.

Non trasportare mai biancheria sporca contro il corpo; posizionare la biancheria sporca in un contenitore chiaramente etichettato, a prova di perdite (ad es. sacchetto, secchio)

In caso di presenza di escrementi solidi sulla biancheria, come feci o vomito, raschiarli accuratamente con un oggetto piatto e solido e metterli nel cassettone o nella toilette designati prima di mettere la biancheria nel contenitore designato. Se la latrina non si trova nella stessa stanza del paziente, posizionare gli escrementi sporchi nel secchio coperto da smaltire nella toilette o nella latrina;

Lavare e disinfettare la biancheria: si consiglia di lavare in lavatrice con acqua calda (60-90 ° C) e detergente per bucato per la pulizia e la disinfezione della biancheria. Se il lavaggio in lavatrice non è possibile, la biancheria può essere immersa in acqua calda e sapone in un tamburo grande, usando un bastoncino per mescolare, evitando schizzi. Se non è disponibile acqua calda, immergere la biancheria in cloro allo 0,05% per circa 30 minuti. Infine, sciacquare con acqua pulita e lasciare asciugare completamente la biancheria alla luce del sole.

 

Quali sono le raccomandazioni relative alla disinfezione di veicoli, merci e prodotti provenienti dalla Cina o da altri paesi colpiti da COVID-19?

Ad oggi non ci sono informazioni epidemiologiche che suggeriscono che il contatto con merci, prodotti o veicoli spediti da paesi colpiti da COVID-19 sia stata la fonte di COVID-19 nell’uomo.

Per questi motivi, non vi sono raccomandazioni per la disinfezione di beni e prodotti provenienti da paesi colpiti da COVID-19 dato che non ci sono prove disponibili del fatto che questi prodotti rappresentino un rischio per la salute pubblica. L’OMS continuerà a monitorare attentamente l’evoluzione di COVID-19 e aggiornerà le raccomandazioni secondo necessità.

 

Quali dispositivi di protezione individuale (DPI) devono essere utilizzati dagli operatori sanitari (HCW) che eseguono tamponi rinofaringei (NP) o orofaringei (OP) su pazienti con sospetto o confermato COVID-19?

Gli operatori sanitari che raccolgono campioni di tamponi NP e OP da pazienti sospetti o confermati COVID-19 devono essere ben addestrati sulla procedura e devono indossare un abito pulito, non sterile, a maniche lunghe, una maschera medica, una protezione per gli occhi (ad es. Googles o visiera) e guanti. La procedura deve essere condotta in una stanza separata / di isolamento e durante la raccolta dei campioni NP gli operatori sanitari devono richiedere ai pazienti di coprire la bocca con una maschera o un tessuto medico. Sebbene la raccolta di tamponi NP e OP abbia il potenziale di indurre attacchi di tosse da parte del paziente sottoposto alla procedura, non ci sono attualmente prove disponibili che la tosse generata attraverso la raccolta di campioni NP / OP porti ad un aumentato rischio di trasmissione di COVID-19 tramite aerosol.

 

Il centro trasfusionale dovrebbe sottoporre a screening regolarmente i prodotti ematici per il virus COVID-19?

No, sebbene frammenti di RNA di SARS-CoV-2 siano stati rilevati nel sangue di pazienti sintomatici con COVID-19, ciò non significa che il virus sia vitale / infettivo. In generale, non è noto che i virus respiratori siano trasmessi per trasfusione di sangue. I centri trasfusionali devono disporre di misure di screening dei donatori di sangue di routine per impedire alle persone con sintomi respiratori o febbre di donare sangue. Come misura precauzionale, i centri trasfusionali potrebbero incoraggiare l’auto-differimento di coloro con anamnesi di viaggio in un paese affetto da COVID-19 nei 14 giorni precedenti, o di coloro a cui è stato diagnosticato COVID-19 o che sono in stretto contatto con un COVID-19 confermato.

 

Stivali, grembiuli impermeabili o tute protettive sono richiesti come dispositivi di protezione individuale di routine (PE) per gli operatori sanitari (HCW) che si occupano di pazienti con infezione sospetta o confermata 2019-nCoV?

No. Le attuali linee guida dell’OMS per la cura dell’HCW nei confronti di pazienti con patologie respiratorie acute sospette o confermate 2019-nCoV raccomandano l’uso di precauzioni di contatto e delle goccioline, oltre alle precauzioni standard che dovrebbero essere sempre utilizzate da tutti gli ACS per tutti i pazienti. In termini di DPI, le precauzioni relative al contatto e alle goccioline comprendono l’uso di guanti monouso per proteggere le mani e un abito pulito, non sterile, a maniche lunghe per proteggere i vestiti dalla contaminazione, maschere mediche per proteggere il naso e la bocca e la protezione degli occhi (ad esempio occhiali, visiera), prima di entrare nella stanza in cui sono ammessi pazienti sospetti o confermati 2019-nCoV per malattie respiratorie acute. I respiratori (ad es. N95) sono richiesti solo per le procedure di generazione di aerosol. Per ulteriori informazioni sui DPI per la cura dell’HCW per pazienti nCoV sospetti o confermati.

 

Le maschere mediche monouso possono essere sterilizzate e riutilizzate?

No. Le maschere facciali mediche monouso sono esclusivamente monouso. Dopo l’uso devono essere rimossi utilizzando tecniche appropriate (cioè non toccare la parte anteriore, rimuoverli tirando da dietro le fascette elastiche o i lacci) e gettarli immediatamente in un contenitore per rifiuti infettivi con un coperchio, seguito dall’igiene delle mani.

 

Perché l’OMS raccomanda le precauzioni di contatto e delle goccioline e non l’uso di routine delle precauzioni per la dispersione nell’aria  per gli operatori sanitari che forniscono assistenza ai pazienti con sospetta / confermata infezione 2019-nCoV?

L’OMS ha sviluppato la sua guida rapida basata sul consenso di esperti internazionali che hanno considerato le prove attualmente disponibili sulle modalità di trasmissione di 2019-nCoV. Questa evidenza dimostra la trasmissione virale da parte delle goccioline e il contatto con le superfici contaminate delle apparecchiature; non supporta la trasmissione di routine nell’ariaLa trasmissione nell’aria può verificarsi, come è stato dimostrato con altre malattie respiratorie virali, durante le procedure di generazione di aerosol (ad es. Intubazione tracheale, broncoscopia), pertanto l’OMS raccomanda precauzioni nell’aria per queste procedure.

 

E’ consigliato l’uso di maschere di routine per le persone sane durante l’epidemia di nCoV del 2019?

No. L’OMS non raccomanda agli individui asintomatici (cioè che non hanno sintomi respiratori) nella comunità di indossare maschere mediche, poiché attualmente non ci sono prove che l’uso di routine di maschere mediche da parte di soggetti sani prevenga la trasmissione 2019-nCoV. Si consiglia alle maschere di essere utilizzate da persone sintomatiche nella comunità. L’uso improprio e l’uso eccessivo di maschere mediche possono causare gravi problemi di carenza di scorte e mancanza di disponibilità delle maschere per coloro che hanno effettivamente bisogno di indossarle.

 

Nelle strutture sanitarie in cui gli operatori sanitari si prendono direttamente cura dei pazienti sospetti o affetti da malattie respiratorie acute 2019-nCoV, le maschere sono una parte importante del contenimento della diffusione 2019-nCoV tra le persone, insieme ad altri DPI e igiene delle mani.

 

I pazienti con sospetto o confermato 2019-nCoV devono essere ricoverati in ospedale se hanno una malattia lieve?

No. Per i pazienti che hanno una malattia lieve, ad es. Febbre bassa, tosse, malessere, rinorrea, mal di gola senza alcun segnale di avvertimento, come mancanza di respiro o difficoltà respiratoria, aumento respiratorio (es. Espettorato o emottisi), gastro- sintomi intestinali come nausea, vomito e / o diarrea e senza cambiamenti nello stato mentale, potrebbe non essere necessario il ricovero in ospedale a meno che non vi siano preoccupazioni per un rapido deterioramento clinico. Tutti i pazienti dimessi a casa devono essere istruiti a tornare in ospedale se sviluppano un peggioramento della malattia.

 

Sono necessari ospedali specializzati o di riferimento per i pazienti con infezione sospetta o confermata 2019-nCoV quando è necessario il ricovero?

No. Le attuali raccomandazioni dell’OMS non includono un requisito per l’uso esclusivo di ospedali specializzati o di riferimento per il trattamento di pazienti con patologie respiratorie acute sospette o confermate 2019-nCoV. Tuttavia, i paesi o le giurisdizioni locali possono scegliere di prendersi cura dei pazienti in tali ospedali se quelli sono ritenuti i più propensi a essere in grado di prendersi cura in sicurezza dei pazienti con sospetta o confermata infezione 2019-nCoV o per altri motivi clinici (ad es. Disponibilità di vita avanzata supporto). Indipendentemente da ciò, qualsiasi struttura sanitaria che tratta pazienti con sospetti o confermati pazienti 2019-nCoV dovrebbe aderire alle raccomandazioni dell’OMS sulla prevenzione e il controllo delle infezioni per l’assistenza sanitaria per proteggere pazienti, personale e visitatori.

 

Quali sono i disinfettanti raccomandati per la pulizia ambientale nelle strutture sanitarie o nelle case che ospitano pazienti con infezione sospetta o confermata 2019-nCoV?

La pulizia ambientale nelle strutture sanitarie o nelle case che ospitano pazienti con sospetta o confermata infezione 2019-nCoV dovrebbe utilizzare disinfettanti attivi contro virus avvolti, come 2019-nCoV e altri coronavirus. Esistono molti disinfettanti, compresi i disinfettanti ospedalieri comunemente usati, che sono attivi contro i virus avvolti. Attualmente le raccomandazioni dell’OMS includono l’uso di:

 

  • Alcol etilico al 70% per disinfettare apparecchiature dedicate riutilizzabili (ad es. Termometri) tra gli usi
  • Ipoclorito di sodio allo 0,5% (equivalente a 5000 ppm) per la disinfezione di superfici frequentemente toccate nelle case o nelle strutture sanitarie.

 

 

Quanto tempo può sopravvivere il 2019-nCoV su una superficie asciutta?

Al momento non ci sono dati disponibili sulla stabilità di 2019-nCoV sulle superfici. I dati provenienti da studi di laboratorio su SARS-CoV e MERS-CoV hanno dimostrato che la stabilità nell’ambiente dipende da diversi fattori tra cui temperatura relativa, umidità e tipo di superficie. L’OMS continua a monitorare le prove esistenti su nCoV e si aggiornerà quando tali prove saranno disponibili.

 

Esiste una procedura speciale per i rifiuti prodotti da pazienti con sospetto o confermato 2019-nCoV?

No. I rifiuti prodotti durante l’assistenza sanitaria o l’assistenza domiciliare dei pazienti con sospetta o confermata infezione 2019-nCoV devono essere smaltiti come rifiuti infettivi.

 

Esistono procedure speciali per la gestione dei corpi delle persone decedute dal 2019-nCoV?

No, non esistono procedure speciali per la gestione di corpi di persone decedute dal 2019-nCoV. Le autorità e le strutture mediche dovrebbero procedere con le loro politiche e normative esistenti che guidano la gestione post mortem delle persone che sono morte per malattie infettive.

 

Esiste un modello per istituire un reparto di isolamento, tipi, prodotti e requisiti sanitari?

Un modello per la creazione di un reparto di isolamento è attualmente in fase di sviluppo. Le specifiche dei DPI per gli operatori sanitari che si occupano di pazienti nCoV sono disponibili nel pacchetto merceologico della malattia all’indirizzo: https://www.who.int/publications-detail/disease-commodity-package—novel-coronavirus-(ncov).

 

Quali sono le raccomandazioni sull’uso del cloro per l’igiene e la decontaminazione delle mani di nCoV?

Una soluzione di cloro debole (0,05%) può essere utilizzata per disinfettare le mani in assenza di sfregamenti a base di alcool (ABHR) o sapone. Tuttavia, le soluzioni di cloro deboli non sono raccomandate poiché esiste un rischio maggiore di irritazione alle mani e effetti negativi sulla salute dovuti alla produzione e alla diluizione di soluzioni di cloro. Ulteriori soluzioni di cloro devono essere preparate quotidianamente, conservate in un luogo fresco e asciutto con un coperchio lontano dalla luce solare, altrimenti hanno il potenziale di perdere potenza ed efficacia alla disinfezione. Il cloro è efficace come decontaminazione (allo 0,5%) per la pulizia ambientale se preceduto dalla pulizia con acqua e sapone.

 

da: Epicentro